4 giugno 2010 / 09:32 / tra 7 anni

Ogm, fonti: Ue revisionerà sistema approvazione coltivazioni

di Charlie Dunmore e Julien Toyer

BRUXELLES (Reuters) - L‘Unione Europea revisionerà in profondità il suo sistema di approvazione per le coltivazioni geneticamente modificate a partire dal prossimo mese, aprendo le porte a coltivazioni Ogm su larga scala in Europa.

Lo riferiscono oggi fonti dell‘Unione Europea, i cui politici hanno approvato per i prossimi 12 anni soltanto due tipi di coltivazioni, rispetto alle 150 diffuse nel mondo, rilevando una certa avversione degli europei nei confronti del cibo geneticamente modificato.

Secondo le proposte che dovrebbero essere approvate il prossimo 13 luglio, la Commissione amplierà la gamma dei prodotti coltivabili, lasciando però ai singoli governi europei la facoltà di decidere se vietarli o meno sul territorio nazionale.

“L‘idea è di mantenere un sistema di approvazione europeo, per poi lasciare agli stati membri la libertà di decidere se vogliono coltivare o meno (le specie Ogm)”, ha detto a Reuters una fonte vicina alla proposta.

Le coltivazioni Ogm a scopi commerciali coinvolgono 100.000 ettari in Europa, per lo più in Spagna, rispetto ai 134 milioni di ettari nel mondo.

Il piano consentirebbe quindi le coltivazioni nei paesi favorevoli come la Spagna, i Paesi Bassi, la Repubblica Ceca, avallando l‘impossibilità delle coltivazioni nei paesi contrari come l‘Italia, l‘Austria e l‘Ungheria.

Ma diversi esperti hanno criticato le proposte, sostenendo che potrebbero implicare delle dispute all‘interno del mercato europeo, esponendo l‘Unione Europea anche a possibili ricorsi da parte del World Trade Organisation (Wto), che sostiene le lamentele americane del 2006 secondo le quali la politica europea sugli Ogm non avrebbe un approccio scientifico.

Le nuove regole sono state redatte dal Commissario europeo alla Salute John Dalli che, approvando la coltivazione delle patate Ogm, causò lo scorso marzo dure contrapposizioni.

I piani sono basati su una proposta congiunta dei Paesi Bassi e dell‘Austria, che il presidente della Commissione Europea Jose Manuel Barroso ha promesso l‘anno scorso di attuare, come parte di un accordo per la sua rielezione.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below