Ogm, ministro Galan chiede di sospendere "semina di protesta"

mercoledì 28 aprile 2010 15:21
 

ROMA (Reuters) - Il ministro delle Politiche Agricole Giancarlo Galan ha chiesto oggi di sospendere la semina di protesta di mais geneticamente modificato organizzata da un gruppo di agricoltori del Nord-Est favorevoli alle biotecnologie per protestare contro un decreto del precedente titolare del dicastero.

Lo dice una nota diffusa oggi dal ministero.

"Credo che la questione degli OGM meriti, da parte di tutti, un supplemento di attenzione. Per questo chiedo a chi in queste ore sta meditando di risolvere la questione con azioni dimostrative di sospendere ogni iniziativa che travalichi i confini della legalità, anche perché troverà in me un interlocutore libero da pregiudizi", dice il comunicato di Galan, che chiede "dialogo e il confronto" per "trovare soluzioni a una questione che con inutili fughe in avanti si rischierebbe di compromettere".

L'associazione degli Agricoltori Federati ha infatti annunciato per venerdì prossimo, a Pordenone, una semina di mais Ogm, per protestare contro un decreto dell'ex ministro Luca Zaia - leghista, oggi presidente del Veneto - che secondo i sostenitori del biotech disattende una decisione della Cassazione.

A gennaio, infatti, la Suprema Corte aveva accolto il ricorso di un gruppo di imprenditori agricoli - Futuragra - affermando in sostanza che il ministero delle Politiche Agricole deve dare corso ai procedimenti di autorizzazione alla coltivazione di mais biotech già autorizzato a livello Ue (il Mon 810) senza attendere i piani regionali di coesistenza della colture.

Il mais in questione, prodotto dal gigante Monsanto, è stato bandito in diversi paesi europei in nome del principio di precauzione.

A marzo, però, il ministro Zaia aveva poi firmato un decreto per negare la coltivazione del mais Ogm., spiegandolo il rifiuto con la "assenza delle condizioni che garantiscano la coesistenza fra coltivazioni Ogm e coltivazioni Ogm-free, come previsto dalla legge".

Contro il decreto ieri Futuragra ha annunciato ricorso.

"Il decreto dell'ex ministro non recepisce nulla delle indicazioni della Cassazione - ha detto a Reuters Giorgio Fidenato, presidente degli Agricoltori - E' una situazione che si trascina da anni. nessun ministro ha rispettato fin qui il diritto europeo, che consente le semine".   Continua...

 
<p>Uomo manifesta contro il mais ogm, foto d'archivio. REUTERS/Mihai Barbu</p>