28 agosto 2009 / 10:24 / 8 anni fa

Berlusconi fa causa a giornali italiani e stranieri

ROMA (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sta avviando una serie di azioni legali contro alcuni giornali in Italia e all‘estero, con l‘accusa di diffamazione nella copertura di fatti legati alla sua vita privata.

<p>Silvio Berlusconi durante un comizio. REUTERS/Daniele la Monaca</p>

Lo ha reso noto oggi il suo avvocato, Niccolò Ghedini, in un‘intervista telefonica a Reuters, precisando che sono già state avviate cause in Italia, Francia e Spagna e di aver dato mandato agli avvocati in Gran Bretagna di studiare azioni analoghe.

“Abbiamo incaricato dei colleghi di fare valutazioni a seconda della legge del paese dove ci siano i casi più gravi di diffamazione vera e propria”, ha spiegato il legale, aggiungendo che è stata fatta causa al settimanale francese Nouvel Observateur per un articolo intitolato “Sesso, potere e bugie” e allo spagnolo El Pais per aver pubblicato foto degli ospiti del premier nella villa in Sardegna.

In Italia, la causa per diffamazione è stata fatta contro la Repubblica, per aver ripreso l‘articolo francese e per aver diffamato Berlusconi ripetendo quotidianamente le “10 domande” sulla sua vita privata e le aspirazioni politiche.

Ghedini - che è anche deputato del Pdl - non ha voluto fornire un elenco di altri giornali che rischiano una causa, soprattutto in Gran Bretagna, dove i giornali hanno manifestato particolare interesse per gli scandali che hanno riguardato la vita privata di Berlusconi, dal rapporto con la 18enne Noemi Letizia, alle feste e alla separazione dalla seconda moglie Veronica Lario.

Berlusconi ha accusato in passato il suo concorrente nel campo dei media, Rupert Murdoch, di averlo attaccato personalmente attraverso il Times, di proprietà della News Corp del magnate straniero.

Ghedini ha spiegato che i giornali britannici “sono stati certamente aggressivi, ma non ho valutato articolo per articolo. Li ho lasciati ai colleghi, ho già abbastanza da fare qui in Italia”.

L‘avvocato ha aggiunto che “un uomo politico deve essere criticato anche aspramente” ma che Repubblica ha messo in atto una campagna “intollerabile” contro Berlusconi, che “getta discreto sull‘Italia intera, perché tutti i giornali stranieri poi riprendono le offese come se fossero vere”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below