BORSA MILANO apre prima seduta settimana in calo,ancora pressione su banche

lunedì 13 giugno 2016 09:29
 

MILANO, 13 giugno (Reuters) - Apertura in deciso calo a Piazza Affari dove il clima, come nelle altre borse europee, è ancora condizionato dalle incertezze in vista del referendum sulla Brexit del prossimo 23 giugno. Prosegue la pressione in vendita sul comparto bancario.

** Alle 9,20 circa l'indice FTSE Mib è in calo dell'1,75% e l'All Share dell'1,76%

** In Europa il benchmark FTSEurofirst300 arretra dell'1,24%

** L'indice delle banche italiane perde il 2,5% circa, a fronte di un calo dell'1,7% del settore in Europa . Tra i singoli titoli, ribassi di oltre il 4% per MPS , seguita da BPER (-3,4%) e UBI (-2,8%) rientrata in negoziazione dopo che in avvio non era riuscita a fare prezzo per eccesso di ribasso. UniCredit cede oltre il 2%.

** Ad appesantire il listino è anche la debolezza dei petroliferi sulla scia del calo dei prezzi del greggio spinti al ribasso dai timori relativi alle economie orientali. SAIPEM perde il 3,6%, ENI l'1,2% circa.

** RCS limita il calo allo 0,3% dopo il via libera all'Opa lanciata da Investindustrial, Diego Della Valle, Mediobanca, UnipolSai, Pirelli (riuniti nella newco International Media Holding) e dopo che il Cda del gruppo editoriale ha giudicato "non congruo" il corrispettivo dell'offerta di Cairo.

"Il mercato guarda alle mosse di Cairo che ha tempo sino alla fine di questa settimana per modificare i termini della sua Ops", ricorda Icbi in una nota, ricordando che le quotazioni di Rcs "continuano ad incorporare un miglioramento delle condizioni".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...