PUNTO 1-Atlantia, vendita 15% Aspi entro febbraio, guarda acquisti esteri

mercoledì 19 ottobre 2016 16:06
 

(Accorpa pezzi, aggiunge contesto)

MILANO, 19 ottobre (Reuters) - Atlantia punta a cedere in qualche mese il 15% di Autostrade per l'Italia (Aspi) e guarda ad acquisizioni per aumentare la presenza all'estero.

Le offerte non vincolanti per Aspi, il cui valore è 15 miliardi secondo stime di analisti, arriveranno entro novembre mentre il preliminare di vendita è atteso al più tardi a febbraio, ha detto il CEO Giovanni Castellucci presentando a Londra il nuovo piano 2016-2020.

Atlantia si aspetta un forte interesse da investitori che soprattutto potrebbero essere fondi pensione e fondi sovrani che guardano all'Italia, ha detto Castellucci senza citare espressamente nomi di potenziali acquirenti per la quota di Aspi.

"Atlantia vuole accelerare la crescita sui mercati internazionali puntando ad asset pregiati nei settori delle autostrade e aeroporti pur mantenendo le proprie radici e soprattutto i piani di investimento in Italia", dice l'amministratore delegato.

A fine piano i ricavi dovrebbero essere cresciuti dai 5,5 miliardi di oggi a quota 6,8 miliardi (+24%). L'ebitda è previsto in rialzo di circa il 7% medio annuo, con un incremento del 10% all'anno per i dividendi.

Il rapporto fra indebitamento finanziario ed Ebitda è visto in diminuzione dall'attuale 3,2 a 2,4 volte nel 2020.

Il riassetto organizzativo del gruppo vedrà nascere nel 2017 una struttura articolata in 4 principali piattaforme industriali organizzate nelle seguenti aree di business: autostrade italiane, autostrade estere, aeroporti e altri business correlati.

L'ebitda per le autostrade italiane è stimato in crescita del 4%.   Continua...