Canone Rai in bolletta, stima recupero evasione oltre 300-400 mln - Calenda

lunedì 17 ottobre 2016 09:51
 

ROMA, 17 ottobre (Reuters) - L'inserimento del canone Rai nella bolletta elettrica comporterà un recupero di evasione per le casse dello Stato di oltre 300-400 milioni di euro all'anno.

E' quanto ha stimato oggi il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda nel corso di una intervista su Radio24.

"Io credo anche qualche cosa di più", ha risposto il ministro a Giovanni Minoli che gli chiedeva se la stima di 3-400 milioni di euro fosse corretta.

Nel mese di settembre il fabbisogno del settore statale è calato a quota 15,3 mld, grazie anche all'introito di circa un miliardo venuto dal pagamento delle le prime rate del canone RAI da parte dei gestori delle utenze elettriche.

Secondo uno studio 2015 di Mediobanca, l'inserimento del canone Rai in bolletta - ipotizzando un calo del tasso di evasione intorno al 5% rispetto al 30,5% attuale - consentirebbe alla televisione pubblica italiana di fatturare oltre 2,8 miliardi di euro quest'anno (2,49 miliardi lo scorso anno).

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia