PUNTO 1-Pop Vicenza-Veneto Banca, nessun problema liquidità, funding plan al 2017 ok-Penati

venerdì 14 ottobre 2016 17:50
 

(Aggiunge in coda note due istituti)

MILANO, 14 ottobre (Reuters) - Popolare Vicenza e Veneto Banca non hanno problemi di liquidità e il loro funding plan al 2017 è a posto.

Lo ha detto Alessandro Penati, presidente di Quaestio, che tramite Atlante controlla le due ex popolari.

"Non ci sono problemi di liquidità. Con il nostro intervento le condizioni di liquidità si sono stabilizzate. Anzi stanno già recuperando", ha detto Penati a margine di un convegno in Cattolica.

"Non è una preoccupazione ma ci tocca dire che non c'è nessun problema e che il funding plan al 2017 è a posto. Moody's ha creato un problema perché ha detto che con il no al referedum tutte le banche che curiamo sono a rischio resolution", ha spiegato.

Il riferimento è a una conferenza stampa di Moody's di ieri in cui gli analisti dell'agenzia americana hanno avvertito che una vittoria del 'no' al referendum costituzionale comporterebbe il rischio di elezioni anticipate, minando la fiducia del mercato sulla capacità del governo di portare avanti le riforme e complicando il piano di ricapitalizzazione di Mps ed eventuali aumenti di capitale delle banche più deboli alle prese con piani di cessione degli npl.

Sul tema sono intervenuti anche i presidenti delle due popolari, Gianni Mion (Popolare Vicenza) e Beniamino Anselmi, con due dichiarazioni dello stesso tono.

Penati "ci sostiene in una lunga e ardua opera di risanamento, certo non agevolata da allarmi come quello di Moody's", dicono i due presidenti. "Per noi risponderanno i fatti: se non credessimo nel futuro delle nostre banche, non avrebbe senso mettere a punto, come stiamo facendo, una proposta di parziale ristoro delle perdite subite da azionisti, tesa a ricostruire il clima di fiducia e sul quale già abbiamo segni incoraggianti, ad esempio nell'andamento della raccolta".

  Continua...