Npl, mercato italiano in grado di assorbire tranche junior e mezzanine-Penati

venerdì 14 ottobre 2016 12:56
 

MILANO, 14 ottobre (Reuters) - Il mercato italiano è perfettamente in grado di assorbire i circa 35 miliardi di tranche junior e mezzanine di npl.

Lo ha detto Alessandro Penati, presidente di Quaestio sgr che gestisce il Fondo Atlante, nel corso di un convegno in Cattolica.

"Dal punto di vista finanziario non è un problema gigantesco collocarli, visto la ricchezza che c'è in giro. Sono estremamente ottimista", ha spiegato Penati che stima sui circa 80 miliardi di npl lordi circa 35 miliardi di tranche junior e mezzanine, mentre il 55% riguarda tranche senior per le quali "c'è una domanda infinita".

Il problema per lo smaltimento di queste tranche riguarda invece la creazione di un mercato "con operatori, special servicer, arranger e su questo siamo non dico all'età della pietra ma dei lumi", ha aggiunto.

Atlante parteciperà all'operazione di cessione di sofferenze da parte di Monte dei Paschi per un valore lordo di 27,7 miliardi a un prezzo pari al 33% sottoscrivendo per 1,6 miliardi la tranche mezzanine.

"Se l'operazione Mps funzionerà, credo si creerà un mercato e una piattaforma anche aperta agli altri", ha detto Penati. "Visti i rendimenti così bassi gli npl saranno la base per costruire il portafoglio dei grandi investitori dei prossimi cinque anni".

Penati ha poi lamentato che da parte dei regolatori ci sono dei freni per la dismissione degli npl con una concezione dei requisiti di capitale "controintuitiva e assurda", mentre l'uscita dai crediti in sofferenza "dovrebbe essere incentivata" senza ulteriori penalizzazioni dal punto di vista patrimoniale.

(Gianluca Semeraro)   Continua...