Bpm, siglate intese con sindacati su welfare e Fondo solidarietà

lunedì 26 settembre 2016 09:00
 

MILANO, 26 settembre (Reuters) - Banca Popolare di Milano e le organizzazioni sindacali hanno sottoscritto accordi relativamente all'architettura generale del welfare aziendale e all'accesso al Fondo di solidarietà di categoria, che si inquadrano nel contesto dell'operazione di fusione con Banco Popolare e del piano strategico 2016-2019.

Lo dice una nota aggiungendo che in coerenza con quanto indicato nel piano -- che prevede, tra l'altro, complessivi 1.800 esuberi tra le due compagini societarie -- la realizzazione della fusione consentirà di accedere su base volontaria al Fondo di solidarietà a un massimo di 585 dipendenti del gruppo Bpm, che avranno maturato i requisiti pensionistici entro il 31 dicembre 2022.

L'accordo relativo al Fondo prevede, tra l'altro, che gli aderenti beneficino di un trattamento economico pari all'85% della retribuzione netta e quattro date di accesso (giugno e dicembre 2017 e giugno e dicembre 2018).

Gli oneri e i benefici economici sono allineati a quelli complessivamente stimati nell'arco di periodo del piano strategico, ricompresi tra i costi e le sinergie da integrazione, precisa la nota. Per quanto riguarda i costi, saranno contabilizzati interamente nel bilancio 2016.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia