BORSA MILANO in lieve calo in linea Europa, tiene Mps, bene Unipol

venerdì 9 settembre 2016 13:02
 

MILANO, 9 settembre (Reuters) - Piazza Affari prosegue in leggero calo ma senza scossoni in linea alle altre borse europee, confermando la buona reazione del mercato al meeting della Bce di ieri concluso senza nuove decisioni di politica monetaria, scontentendo qualche investitore.

Sul listino italiano i riflettori sono puntati su Mps dopo l'annuncio delle dimissioni dell'AD Fabrizio Viola, ma dopo un iniziale nervosimo il titolo sembra avere digerito la notizia senza grossi sussulti.

** Alle 12,54 l'indice FTSE Mib è in calo dello 0,28%, l'Allshare dello 0,21%. Il benchmark europeo FTSEurofirst perde lo 0,35%. Volumi sull'azionario milanese per 865 milioni circa

** MPS cede lo 0,53% in un mercato che si interroga sull'impatto delle dimissioni di Viola sul piano di ricapitalizzazione, le cui tempistiche sembrano a questo punto spostate a inizio 2017. Tra gli analisti prevale un giudizio di sospensione in attesa di novità sull'aumento di capitale ed eventuale conversione dei subordinati in equity, anche se l'avvicendamento al vertice segnala la complessità della situazione e aumenta l'incertezza sull'esecuzione e tempistiche del piano.

** Nel resto dei bancari UNICREDIT perde lo 0,76%, mentre in controtendenza, ma senza particolare slancio, sale UBI (+1%).

** Ben comprata UNIPOL (+1,6%) sostenuta dal "Buy" di Kepler Cheuvreux con cui ha avviato la copertura sul titolo con un target di 2,96 euro. Resta poco più indietro la controllata UNIPOLSAI (+1,2%) cui il broker ha assegnato un rating "hold" con target 1,66 euro. Sempre nel comparto assicurativo tonica GENERALI a +1,5%.

** Qualche rialzo tra utility con A2A in rialzo dell'1,1%, dopo le indicazioni positive sull'acquisizione di Lgh e il giudizio positivo degli analisti sul deal.

** In fondo al listino principale BUZZI UNICEM (-2,7%) prosegue la correzione dai recenti massimi, in un mercato che approfitta delle ultime indicazioni sul rallentamento dei volumi negli Stati Uniti per passare a qualche realizzo, dopo la corsa estiva del titolo sulla spinta dei buoni conti del secondo trimestre.

  Continua...