BUZZ BORSA-Mediaset in calo, per analisti si allontana ipotesi accordo con Vivendi

venerdì 26 agosto 2016 12:28
 

MILANO, 26 agosto (Reuters) - ** Mediaset in calo a Piazza Affari penalizzata dall'escalation dello scontro con Vivendi sulla vicenda Premium che sembra peraltro allontanare la possibilità che si raggiunga un accordo di compromesso alternativo.

** Nonostante il livello della tensione emerso ieri dallo scambio di comunicati stampa sia cresciuto, fonti riferiscono che le trattative tra le parti per trovare un accordo sono ancora in corso. Tra gli analisti prevale tuttavia molta cautela e scetticismo sull'ipotesi di un piano alternativo per Premium e ritengono che la disputa sia ormai destinata a proseguire sul fronte legale.

** Alle 12,15 circa il titolo Mediaset perde l'1,9% sottoperformando l'andamento della borsa milanese e del settore media europeo, entrambi in calo dello 0,5% circa. Scambiati 2,9 milioni di titoli a fronte di una media mensile di 7,7 milioni circa. Anche Vivendi è in calo a Parigi (-3,7%) pagando i risultati del semestre che evidenziano un aumento delle perdite per la sua pay-tv Canal Plus.

** Alla luce degli ultimi sviluppi su Mediaset Premium, secondo Barclays "in base alle raffica di comunicati stampa e alle cause legali, riteniamo che le prospettive di un accordo alternativo si stiano affievolendo e che Vivendi possa essere coinvolta in una lunga causa legale con Mediaset".

** Anche per Icbpi "le trattative appaiono comunque difficili, perché i risultati di Mediaset Premium sono tuttora negativi e i due gruppi vorrebbero evitare che i numeri della società possano pesare in misura rilevante sui rispettivi conti consolidati". Per il broker inoltre la strada di un possibile coinvolgimento iniziale nel capitale di soggetti terzi (in attesa di un miglioramento dello scenario economico di Mediaset Premium), "appare peraltro difficile da percorrere".

** Ieri, in occasione della pubblicazione dei risultati del secondo trimestre, Vivendi ha detto che le cifre presentate da Mediaset su Premium "non sono reali e poggiano su basi artificialmente gonfiate". Il gruppo francese ha condannato inoltre gli attacchi mediatici delle società della famiglia Berlusconi e ha detto che qualsiasi accordo con Mediaset potrebbe non ricevere il via libera della Commissione Ue prima della scadenza fissata il 30 settembre, di fatto rendendolo nullo..

** Mediaset ha risposto sottolineando che quanto dichiarato da Vivendi "è destituito di ogni fondamento giuridico e commerciale", mentre Fininvest riafferma "l'assoluta linearità e correttezza dei comportamenti suoi e della controllata".

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia