Mediobanca, pre-underwriting Mps non vincolante, impegno sotto 700-800 mln -Ceo

venerdì 5 agosto 2016 09:50
 

MILANO, 5 agosto (Reuters) - L'accordo di pre-underwriting siglato da Mediobanca per l'aumento di capitale di Mps per definizione non è vincolante.

Lo ha detto il Ceo Alberto Nagel nella conference call sui conti dell'esercizio 2015-16.

"E' un pre-underwriting non un underwriting, per definizione non è un impegno", ha detto rispondendo alla domanda di un analista sul tema.

Mediobanca e JPMorgan in qualità di joint global coordinator e bookrunner hanno firmato un accordo di pre-underwriting che ha per oggetto l'impegno a sottoscrivere un accordo di garanzia per la sottoscrizione dell'aumento di capitale di Mps fino a 5 miliardi nell'ambito del piano di salvataggio della banca senese che prevede, tra le altre cose, anche la cessione completa delle sofferenze.

Nagel ha poi spiegato che la parte in carico a Mediobanca è inferiore a 700-800 milioni di euro, cifra ipotizzata da un analista.

Infine la partecipazione all'aumento di capitale di Mps non impedisce a Mediobanca di prendere parte ad altre operazioni di ricapitalizzazione in arrivo, ha concluso rispondendo a una domanda in merito al prossimo probabile aumento di capitale di UniCredit che potrebbe partire all'inizio del prossimo anno.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia