Generali studia migliore allocazione risorse tra paesi e linee business-Ceo

venerdì 29 luglio 2016 09:19
 

MILANO, 29 luglio (Reuters) - Generali conferma la strategia disegnata nel 2015 dal piano industriale ma vuole concentrare l'allocazione delle risorse sui business e le aree geografiche più profittevoli e spingere sulla riduzione dei costi in uno scenario che obbliga maggiore velocità ed efficienza nell'esecuzione.

Lo ha detto il Ceo Philippe Donnet in un briefing telefonico sui conti del semestre.

"La strategia del 2015 resta valida. E' cambiato lo scenario e la differenza stavolta la farà l'esecuzione. Lo scenario attuale ci obbliga a essere più veloci", ha spiegato Donnet.

"Razionalizzeremo e semplificheremo il business in un'ottica di riduzione dei costi e concentreremo le risorse sui business più profittevoli, privilegiando quelli con minor assorbimento di capitale e liquidità", ha proseguito.

La riallocazione delle risorse riguarderà sia le aree geografiche, non escludendo quindi l'eventuale uscita da paesi meno profittevoli, sia le linee di business, ha poi detto Donnet.

"In ogni paese dove operiamo vogliamo avere delle performance di alto livello. Ci sono mercati dove le nostre società non hanno il potenziale per raggiungere il livello di eccellenza che vogliamo. In questo caso potremmo decidere di riallocare le risorse sui mercati con maggiore potenziale e attarttività e lo faremo sicuramente", ha spiegato.

"Questo vale anche per le linee di business. Ci sono linee che vogliamo spingere come le unit linked sul Vita, e i business salute, malattia e protection e poi i fee business come risparmio gestito. Stiamo riflettendo su queste cose", ha concluso senza dare maggiori dettagli.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia