Telecom, nessuna fusione con Mediaset all'ordine del giorno - AD a Sole

giovedì 28 luglio 2016 08:38
 

MILANO, 28 luglio (Reuters) - Telecom Italia non ha piani di integrazione con Mediaset, né ha in programma acquisizioni o alleanze industriali nella telefonia per rispondere all'ingresso di Enel in questo settore.

Lo dice l'AD Flavio Cattaneo in un'intervista al 'Sole24Ore' in cui sul fronte dei risultati societari promette continuità ai conti del secondo trimestre e ribadisce l'impegno a ridurre il debito, ma soprattutto a renderlo sostenibile con l'aumento dei ricavi e dei profitti.

Dopo la marcia indietro di Vivendi (primo azionista di Telecom) su Mediaset Premium e la proposta dei francesi di salire al 15% del Biscione, Cattaneo esclude l'ipotesi di una integrazione Telecom-Mediaset: "Assolutamente no, non è all'ordine del giorno", risponde, pur sottolineando che tutte le grandi compagnie di tlc sono interessate ai contenuti, "ma questo è un altro discorso".

"L'azionista Vivendi non ha mai esercitato alcuna pressione", dice più avanti a una domanda sulla possibile vendita di Tim Brasil che, ribadisce, è esclusa: "Di vendita non si parla più".

Quanto a una eventuale fusione nel medio-lungo termine con Fastweb, con cui Telecom ha appena stretto un accordo per lo sviluppo della rete, per far fronte a uno scenario sempre più competitivo, Cattaneo sottolinea che "non c'è nessuna intenzione di acquisizione o di alleanza industriale nella telefonia". "Secondo, non faccio piani anti-Enel, che è ancora una società elettrica".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia