BORSE EUROPA deboli con banche e petroliferi a metà seduta

martedì 26 luglio 2016 12:16
 

INDICI                           ORE 12      VAR %    CHIUS. 2015
 EUROSTOXX50                      2960,91     -0,41    3267,52
 FTSEUROFIRST300                  1341,69     -0,24    1437,53
 STOXX BANCHE                     131,51      -1,14    182,63
 STOXX OIL&GAS                    279,02      -1,55    262,31
 STOXX ASSICURAZIONI              221,07      -0,77    285,56
 STOXX AUTO                       473,6       0,83     565,06
 STOXX TLC                        302,48      -0,5     347,10
 STOXX TECH                       356,68      0,06     355,86
 
    L'azionario europeo è debole a metà seduta appesantito da banche e
petroliferi, con Commerzbank tra i titoli più penalizzati dopo un
secondo trimestre deludente per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali.
    Alle 12 italiane lo STOXX 600 perde lo 0,26% dopo aver toccato ieri
il massimo da un mese, pur rimanendo in calo del 7% da inizio anno.
    Commerzbank perde più del 6% dopo aver comunicato che il profitto
operativo e il margine di capitale sono scesi nel secondo trimestre a causa
dell'esposizione della banca su pensioni e debito sovrano italiano. 
    L'indice bancario europeo cede l'1,55%, settore in assoluto più
debole con gli investitori molto cauti in attesa dei risultati degli stress test
degli istituti europei in calendario per venerdì. Il comparto resta il peggiore
quest'anno, a causa dei timori legati alla riduzione dei margini in presenza di
tassi ultra-bassi.
    Tra i titoli bancari, Monte dei Paschi di Siena, Deutsche Bank
 e UniCredit registrano cali tra il 4 e l'8%.
    BP perde il 2,9% dopo una trimestrale deludente, in un settore
petrolifero generalmente in rosso a causa del calo dei prezzi del
greggio.
    Tra i titoli al rialzo, la francese Faurecia sale del 4% dopo aver
migliorato l'outlook 2016; il chipmaker AMS segna un +6% dopo aver
annunciato utili trimestrali forti, mentre la finlandese UPM-Kymmene 
registra un progresso del 3,7% dopo conti oltre le attese.
    Goldman Sachs afferma che la stagione delle trimestrali è iniziata con
sorprese moderatamente positive nei comparti dei beni industrali, dei servizi e
delle materie prime. Il real estate, i beni personali e le tlc sono invece i
settori peggiori.
    Circa un quinto delle compagnie dello STOXX 600 hanno comunicato i risultati
sinora e per la fine della settimana tale quota salirà alla metà, dice sempre
Goldman.
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche
su www.twitter.com/reuters_italia