Rcs, possibile modello Italcementi per accelerare ricambio in Cda

martedì 19 luglio 2016 18:37
 

MILANO, 19 luglio (Reuters) - Il recente avvicendamento ai vertici di Italcementi potrebbe essere un modello per il passaggio di consegne tra l'attuale management di Rcs e la squadra di Urbano Cairo.

"Potrebbe essere la soluzione più veloce e indolore", dice una fonte vicina a Rcs.

Dal primo luglio la Italcementi della famiglia Pesenti è entrata a far parte del gruppo HeidelbergCement. In vista di questo appuntamento si sono dimessi alcuni consiglieri (quelli non indipendenti) per lasciare spazio, tramite alcune cooptazioni, ai vertici voluti dai nuovi proprietari. La maggioranza del consiglio, formata da indipendenti, non si è dimessa in modo da non far decadere l'intero Cda e permettere quindi una continuità operativa ma con un consiglio più coerente con il nuovo azionista di maggioranza.

"Se il Cda di Rcs si dimette, i tempi per poter convocare l'assemblea per il suo rinnovo sono molto lunghi (40 giorni secondo quanto detto dallo stesso Cairo). Se si dimettesse un numero di consiglieri tale da non far decadere il Cda e subentrasse Cairo con alcune persone di sua scelta, si potrebbe comunque convocare l'assemblea con i tempi tecnici necessari, ma nel frattempo il nuovo azionista di controllo potrebbe già iniziare a lavorare e Rcs eviterebbe una situazione di stallo operativo", spiega la fonte.

Nel caso di Italcementi, dove il passaggio di controllo era previsto e voluto, le modalità di rinnovo dei vertici è stato frutto di un accordo tra la parti.

Per Rcs la situazione è più complicata, perchè l'attuale Cda è stato nominato in larga parte dagli stessi azionisti che sono stati sconfitti da Cairo nella battaglia per il controllo del gruppo. Sei su nove consiglieri vengono dalla lista di maggioranza. Secondo lo statuto, il consiglio decade quando viene meno la maggioranza del consiglio.

Ieri Urbano Cairo si è detto pronto a iniziare anche subito a occuparsi di Rcs assumendo tutte le deleghe, ma ha sottolineato che sta ai consiglieri di Rcs, in questo momento, decidere come muoversi. Venerdì prossimo la sua Cairo Communication sarà ufficialmente titolare del 48,8% della società. Da quella posizione potrà chiedere al presidente di convocare l'assemblea, che si terrebbe ai primi di settembre.

Ad oggi l'unico Cda di Rcs convocato formalmente è quello del 3 agosto sui conti del semestre. Se il cda si dimettesse, per ipotesi, in quella occasione partirebbero da lì i 40 giorni per l'assemblea.

  Continua...