Rcs, Cairo accusa cordata Bonomi di pubblicità ingannevole

mercoledì 13 luglio 2016 15:24
 

MILANO, 13 luglio (Reuters) - La pubblicità dell'Opa su Rcs lanciata dalla cordata composta da Andrea Bonomi e soci ("IMH) dà un messaggio ingannevole.

L'accusa viene dal concorrente Cairo Communication che in una nota mette in luce che il messaggio promozionale confronta l'ultimo prezzo dell'Opa Imh (1 euro, il primo era a 0,7 euro) con il primo prezzo offerto da Urbano Cairo l'8 aprile (0,12 azioni Cairo per ogni titolo Rcs), valore che poi è stato alzato più volte fino ad arrivare al un concambio di 0,18 azioni più una componente cash di 0,25 euro.

Ai prezzi attuali (Cairo tratta a 4,57 euro) Rcs viene valutata dall'Opas a 1,0726 euro, quindi più dell'Opa rivale, anche se su questo Bonomi insiste oggi, in un'intervista, a ritenere che al prezzo del titolo Cairo vada tolto l'eventuale indebitamento legato al pagamento della componente cash (che non potrebbe essere in ogni caso di 130 milioni, come scritto nella pubblicità, visto che è impossibile un'adesione al 100% essendo il 22,6% già in mano alla cordata IMH). Punto già contestato da Cairo.

L'affermazione contenuta nei messaggi promozionali della cordata Bonomi che "il prezzo offerto da IMH è conveniente perché esprime 'un premio del 90% rispetto al prezzo offerto da Cairo l'8 aprile 2016' dà una rappresentazione ingannevole del corrispettivo proposto da Cairo Communication nell'ambito dell'offerta pubblica di acquisto e scambio promossa sulle azioni RCS e, pertanto, è idonea a indurre in errore gli azionisti RCS e influenzarne in modo scorretto ed erroneo la scelta di aderire all'OPAS di Cairo Communication ovvero all'OPA promossa da IMH", dice la nota. "Dovrà, pertanto, essere valutata la conformità di tali messaggi promozionali rispetto alle disposizioni Conosb".

Non è stato possibile avere un commento immediato da parte della cordata Bonomi.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia