BORSA MILANO debole, strappa Mps, bene Saipem, ritraccia Unicredit

mercoledì 13 luglio 2016 12:18
 

MILANO, 13 luglio (Reuters) - Piazza Affari prosegue debole e volatile la seduta odierna, in parte sostenuta dai bancari. Leggermente negativi gli altri mercati europei vittime di prese di beneficio dopo quattro sedute consecutive positive.

** Intorno alle 12,20 l'indice FTSE Mib cede lo 0,3%, mentre l'AllShare lo 0,21%. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 segna +0,26%. Volumi pari a poco sotto il miliardo di euro.

** Fra le banche la migliore è MPS con un balzo del 12% circa su indiscrezioni di stampa di negoziazioni fra la banca e il fondo Atlante per l'acquisto di sofferenze per un ammontare di almeno 10 miliardi di euro. Jp Morgan dovrebbe gestire la cartolarizzazione di crediti deteriorati su cui potrebbe essere applicata una forma di garanzia statale. Come adviser in pole position per la cessione degli Npl ci sarebbe anche Mediobanca. Queste indiscrezioni fanno bene al titolo", rileva un trader che riferisce anche di un target price fissato da un primario broker italiano fino a 0,40 euro sulle azioni Montepaschi.

UNICREDIT, partita forte, ha poi ritracciato su prese di profitto e cede lo 0,6% dopo il collocamento ieri del 10% di Bank Pekao che segue la cessione del 10% di Fineco. Icbpi rileva nel report giornaliero che "gli investitori non possono che apprezzare l'impegno del nuovo management di attaccare le debolezze del gruppo con decisioni strategiche sollecite e coraggiose sul suo ampio portafoglio di attività".

** Sul resto del settore debole anche INTESA SP (-0,78%), mentre è in netto rialzo CARIGE (+7,4%).

** Acquisti anche su SAIPEM (+2,98%) che si porta sopra quota 0,41 euro.

** Tornano le vendite su TELECOM in ribasso del 2,74% in controtrend rispetto al settore tlc europeo in lieve rialzo.

** RCS MEDIAGROUP cede lo 0,45%, poco sotto l'euro offerto dall'Opa di Bonomi e soci. L'Opas di CAIRO COMMUNICATION (che cede lo 0,4% a 4,5 euro) valorizza Rcs ai prezzi attuali 1,06 euro. Mancano tre giorni alla conclusione delle due offerte.

** Tra i titoli a minore capitalizzazione continua a salire BANZAI (+2,8%). Oggi in un'intervista su un quotidiano, l'AD, Pietro Scott Jovane, dice che la trimestrale si chiuderà con buoni numeri.   Continua...