Dopo Brexit Borsa, Mts, Monte Titoli vanno commissariate - Garbi

mercoledì 29 giugno 2016 15:15
 

di Luca Trogni

MILANO, 29 giugno (Reuters) - Alla luce dell'esito del referendum britannico favorevole alla Brexit le società di trading e di post-trading italiane, oggi controllate dal London Stock Exchange, vanno commissariate.

L'invito a Tesoro, Banca d'Italia e Consob arriva dall'AD di Banca Sistema Gianluca Garbi, in passato AD di Mts, la società-mercato per il trading dei titoli di Stato.

"Le autorità italiane, se la Gran Bretagna farà ricorso all'articolo 50 del trattato di Lisbona, dovrebbero, senza alcun indugio, procedere al commissariamento di Borsa Italiana, Mts, Monte Titoli e Cassa di Compensazione e Garanzia", dice Garbi a Reuters, sollolineando che si tratta di soggetti vigilati in Italia e che ci si trova di fronte a un evento straordinario. "Il Testo unico della finanza prevede questa possibilità a tutela degli investitori", aggiunge con riferimento agli articoli 75 e 76 del Tuf.

Attualmente Borsa, Monte Titoli e Cassa di Compensazione sono totalmente controllate da Lse. Di Mts il gruppo inglese possiede il 60% circa, mentre il restante 40% fa capo a un gruppo di banche con Banca Imi unica presenza italiana.

Borsa, Mts, Monte Titoli e Cassa di Compensazione hanno personalità giuridica italiana.

La Gran Bretagna, con il ricorso all'articolo 50 del trattato di Lisbona e la conseguente uscita dall'Ue, dovrebbe poi concludere accordi con i singoli Paesi Ue per ristabilire condizioni di operatività sui mercati Ue come quelle attuali.

"Negli altri Paesi dove sono diventati azionisti delle borse soggetti esterni al mercato unico europeo le autorità hanno negoziato prima degli accordi. Noi siamo l'unico Paese i cui mercati sono di proprietà di altre borse nel breve non più comunitarie senza accordi specifici di vigilanza. L'unica strada prevista dalle norme è il commissariamento" commenta Garbi, ricordando che per le autorità di vigilanza Ue lo scambio di informazioni con le società-mercato dei paesi extra-Ue non è automatico come nell'area comunitaria.

Lse ha quasi concluso il progetto di fusione con Deutsche Boerse. Dopo il risultato del referendum la Bafin, l'autorità di controllo della borsa tedesca, e parlamentari di Berlino hanno chiesto che la sede della nuova società sia a Francoforte e non a Londra.   Continua...