BUZZ BORSA-Banche tentano rimbalzo dopo ciclone Brexit, debole Intesa Sanpaolo

lunedì 27 giugno 2016 09:37
 

** Le banche italiane tentano un modesto rimbalzo dopo il venerdì nero della Brexit in cui tutte hanno registrato pesanti ribassi a due cifre.

** Secondo Citi Research le banche italiane pur essendo a buon mercato rispetto ai fondamentali sono anche titoli soggetti a una forte volatilità, che è stata accresciuta da venerdì dall'esito del referendum Brexit. Soffrono inoltre dell'esposizione alle sofferenze e di una bassa redditività, elementi che si uniscono alla debolezza dell'economia e all'elevata incertezza politica e rappresentano rischi aggiuntivi. Anche la debolezza strutturale delle banche più piccole e non quotate potrebbe essere un rischio ulteriore.

** Citi retrocede a 'neutral/high risk' INTESA SANPAOLO e BPER a causa dell'accresciuta volatilità dei mercati e delle aspettative di una più bassa redditività. Per Intesa Citi sottolinea che è una banca ben gestita con una solida posizione patrimoniale e di liquidità.

** Il broker inoltre ritiene che UNICREDIT sia vista dal mercato tra le banche italiane più deboli a causa delle questioni in sospeso su strategie e capitale, mentre MEDIOBANCA, confermata a 'buy', è quella meno esposta al deterioramento potenziale dell'economia italiana e avrà un impatto assorbibile sulle attività UK dalla Brexit.

** Alle 9,30 l'indice italiano dei bancari è piatto. Rialzi sopra il 2% per Bper (+2,23%) e Bpm (+2,34%) e poco sotto il 2% per Banco Popolare (+1,81%) e Ubi (+1,78%). Intesa cede lo 0,98%, UnICredit guadagna il 2,12%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia