PUNTO 1-Enav, per Banca Imi vale 1,76-2,18 mld, per Mediobanca 2-2,5 mld

martedì 21 giugno 2016 20:01
 

(aggiunge dettagli da studi)

MILANO, 21 giugno (Reuters) - Enav potrebbe valere tra 1,76 e 2,18 miliardi di euro per Banca Imi e tra 2 e 2,5 miliardi per Mediobanca Securities.

Sono queste le prime valutazioni degli analisti di alcune delle banche coinvolte nell'operazione che, con l'avvio del pre-marketing ieri, dovrebbe portare la società di controllo del traffico aereo in Borsa intorno a metà luglio.

Nell'Ipo il ministero dell'Economia e delle Finanze venderà fino al 49% del capitale.

Gli studi ricordano che Enav opera in un contesto di monopolio naturale in Italia e mettono in evidenza l'alta visibilità sui ricavi e generazione di cassa dal momento che opera in un mercato regolamentato.

Credit Suisse, che cita i dati Eurocontrol, si aspetta una crescita del traffico aereo in Italia di circa il 2,5% annuo nel periodo 2015-2022, uno scenario che permetterebbe a Enav di generare cassa e di perseguire efficienze sui costi e quindi di ampliare, anche se in maniera modesta, i margini (gli analisti della banca vedono una crescita dell'Ebitda di circa il 13% in cinque anni).

Gli analisti di Banca Imi mettono in evidenza che l'attuale regime prevede inoltre una protezione parziale contro i rischi del traffico aereo, con la differenza tra i volumi pianificati e reali parzialmente condivisa con l'utente finale a seconda dell'entità della differenza.

Gli analisti di Mediobanca sottolineano però che ai bassi rischi corrisponde una bassa remunerazione del capitale investito.

I diversi studi mettono in evidenza anche la politica dei dividendi, considerata attraente.   Continua...