Luxottica guarda al mondo delle lenti per sviluppo modello verticale

mercoledì 2 marzo 2016 11:35
 

MILANO, 2 marzo (Reuters) - Luxottica punta a sviluppare il suo modello verticale integrato e per questo guarda con interesse anche al mondo delle lenti, in cui è già presente direttamente o tramite accordi di fornitura con i principali operatori del settore (Essilor, Zeiss, Hoya).

Lo ha sottolineato il presidente Leonardo Del Vecchio all'apertura dell'Investor day e lo ha ribadito nel corso della presentazione l'AD Massimo Vian, che ieri a Reuters ha comunque smentito l'esistenza di trattative per possibili M&A con produttori di lenti ipotizzate da organi di stampa.

"Un ulteriore tema su cui stiamo riflettendo tutti insieme è quello del mondo delle lenti, un mondo che vale quanto il mercato delle montature e con margini molto elevati. Una opportunità immensa per le nostre catene retail e il nostro ecommerce, che affronteremo nello stile Luxottica basato su eccellenza qualitativa, perfezione del servizio e forza dei marchi", ha dichiarato Del Vecchio in un videomessaggio ad analisti e investitori.

Vian ha parlato oggi di "evoluzione del modello integrato verticale" citando espressamente il mondo delle lenti sotto l'aspetto del servizio ai clienti e della logistica.

Luxottica è forte nel settore delle lenti da sole, mentre in quello delle lenti oftalmiche ha una presenza limitata e quindi diverse strade aperte: potrebbe incrementare la produzione diretta, sviluppare partnership e collaborazioni oppure tentare la strada di un'alleanza industriale e azionaria. Già anni fa il dossier Essilor era stato analizzato e poi scartato.

"Ad oggi non è in corso nessuna trattativa o dialogo con il mondo delle lenti oftalmiche. E' un'industria molto concentrata (Essilor, Zeiss, Hoya i principali operatori) e noi siamo i loro maggiori clienti. E' un mondo che converge. Ci può stare che in futuro si possano fare valutazioni in un senso o in un altro", ha dichiarato ieri Vian.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia