BUZZ BORSA -Eni +5,5% su cedola, incremento produzione, nonostante conti in rosso

venerdì 26 febbraio 2016 12:06
 

** Eni è in netto rialzo a Piazza Affari, nell'ambito di una giornata molto positiva per l'intero comparto europeo a seguito della ripresa delle quotazioni del greggio. A fare da "carburante" per la major i risultati del 2015 che, nonostante siano in profondo rosso a causa di svalutazioni legate al crollo del prezzo del greggio, evidenziano una crescita della produzione e la conferma della cedola a 0,80 euro per azione.

** Intorno alle 11,30 il titolo guadagna il 5,71% a 12,78 euro con oltre 10 milioni di pezzi passati di mano. Il settore oil& gas europeo sale del 3,7%.

** Banca Akros sottolinea nel daily che "i risultati sono negativi soprattutto a causa del crollo del prezzo del Brent, ma l'attenzione degli investitori sarà focalizzata sul piano strategico il prossimo 18 marzo". L'attenzione è in particolare rivolta a quale sarà la politica dei dividendi e se sarà confermata quella attuale, stante la difficile situazione nel settore.

** Più in generale gli analisti ritengono che il titolo sta reagendo bene soprattutto a causa della recente sottoperformance delle azioni.

** Secondo Icbpi, "alla luce dello scenario sfavorevole che ha penalizzato in particolare l'E&P riteniamo che i risultati del quarto trimestre siano da valutare positivamente, in particolare per quanto riguarda la crescita della produzione e il livello di indebitamento inferiore alle attese".

** Sulla forte crescita della produzione (+14% nel trimestre a 1,88 milioni di barili/giorno, +10% sull'anno), pone l'accento anche Morgan Stanley, pur sottlineando che resta sfidante la generazione di cassa sottostante che potrebbe pesare sull'andamento delle azioni.

** Goldman Sachs, che ha rating 'buy' sul titolo e prezzo obiettivo confermato a 15,5 euro, scrive di un trimestre "forte a livello di business E&P e di una disciplina di capitale con il capex tagliato del 20% nel 2016".

(Giancarlo Navach)   Continua...