Ilva, 25 società ammesse a seconda fase due diligence

giovedì 25 febbraio 2016 15:58
 

ROMA, 25 febbraio (Reuters) - Sono 25 su 29 le società ammesse alla seconda fase della due diligence per il Gruppo Ilva, hanno riferito oggi i commissari dell'azienda siderurgica in amministraziione straordinaria durante un'audizione alla Camera.

Dopo la richiesta di integrazione documentale avanzata nei confronti di sei società, infatti, sono stati ammessi alla data room anche il fondo cinese P&C, l'azienda turca Eregli Demir , le francesi Etablissements Robert et Compagnie e Société Mosellane de Vente de fer tôles et aciers, l'italo-svizzera Trasteel International e l'italiana Euroflex.

In precedenza, il 15 febbraio scorso erano state già ammesse società straniere e italiane come ArcelorMittal, Marcegaglia, CSN Steel, Arvedi, Tecnotubi, Zakady Magnezytowe Ropczyce.

Altre quattro società erano state escluse perché le loro manifestazioni di interesse non riguardavano complessi aziendali, aveva fatto sapere l'Ilva.

Una volta terminata la due diligence, le società verranno chiamate a presentare offerte vincolanti, entro giugno.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Ilva, 25 società ammesse a seconda fase due diligence | Notizie | Società Italiane | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    18,596.66
    -1.18%
  • FTSE Italia All-Share Index
    20,385.96
    -1.15%
  • Euronext 100
    940.30
    -0.81%