Confindustria vede produzione gennaio +0,9% dopo brutto dato dicembre

mercoledì 10 febbraio 2016 17:01
 

ROMA, 10 febbraio (Reuters) - Il Centro studi di Confindustria (Csc) rileva in gennaio un incremento congiunturale della produzione industriale dello 0,9% dopo il -0,7% di dicembre comunicato oggi da Istat.

Il dato negativo di dicembre è stato inferiore alle stime Csc (+0,2%) e a quelle di consenso (+0,3%) e si è mosso in direzione opposta rispetto a quanto segnalavano gli indicatori qualitativi, tutti aumentati (fiducia Istat, PMI Markit), nota Confindustria.

Il calo è legato a effetti di calendario legati alla giornata lavorativa in meno del 7 dicembre in occasione del ponte. "Un giorno di lavoro in meno nel mese comporta circa 3 punti percentuali sulla variazione rispetto a un anno prima; ma i programmi statistici di destagionalizzazione correggono solo per il numero di giornate lavorative del calendario ufficiale e non per i giorni effettivamente lavorati", spiega l'indagine rapida.

Male anche i dati sulla produzione in altri paesi europei: in Germania -1,2% (contro +0,2% atteso), in Francia -1,6% (+0,2% atteso), in Spagna -0,2% (+0,5% atteso).

La variazione acquisita nel primo trimestre 2016 è di +0,3%.

Pur in un contesto di minore ottimismo tra le imprese, gli indicatori qualitativi anticipatori per il manifatturiero puntano a una dinamica positiva della produzione.

"L'ampliamento del gap tra indicatori qualitativi e dati di produzione effettiva suggerisce che la dinamica dell'attività rilevata dall'Istat potrebbe essere meno vivace di quanto atteso", conclude la nota.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia