Creval, no contatti diretti con Pop Sondrio, ma M&A deve essere valutato - AD

martedì 9 febbraio 2016 12:07
 

MILANO, 9 febbraio (Reuters) - Tra Credito Valtellinese e Pop Sondrio non ci sono contatti diretti per un'eventuale operazione di aggregazione ma l'operazione dovrà essere valutata anche alla luce del dibattito a livello delle istituzioni locali che si è aperto.

Lo ha detto l'AD di Creval Miro Fiordi nel corso della conference call con gli analisti sui risultati 2015.

"Credo che in provincia di Sondrio si sia aperto un grande dibattito istituzionale pubblico sulla necessità di valutare un possibile merger tra noi e Popolare di Sondrio", ha detto Fiordi.

"Non ci sono contatti diretti in corso, ma considero positivo che il dibattito sia cominciato, anche perché la sitazione della provincia è peculiare anche a livello europeo in quanto abbiamo la sede di due gruppi quotati tra i primi quindici gruppi bancari italiani in una provincia di 180.000 abitanti. Quindi è chiaro che c'è la necessità che l'opzione di fusione deve essere valutata", ha aggiunto.

Fiordi ha anche ricordato recenti dichiarazioni del Ceo di Pop Sondrio che si è detto disponibile a valutare una possibile operazione.

Il tema M&A sarà comunque affrontato dal nuovo consiglio che sarà nominato con l'assemblea sul bilancio, ha sottolineato l'AD.

"Abbiamo una scadenza per il rinnovo del consiglio con la prossima assemblea e sono temi che saranno discussi immediatamente a valle del rinnovo del Cda", ha concluso.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia