PUNTO 1-Ferrari cauta su previsioni 2016 e cedola, azioni -14% a Wall Street

martedì 2 febbraio 2016 18:47
 

(riscrive con dettagli, dichiarazioni)

MILANO, 2 febbraio (Reuters) - Ferrari è cauta nelle previsioni sull'Ebitda 2016 e sulla cedola per l'anno e spinge il titolo in netto ribasso alla borsa di Milano e a Wall Street.

Il presidente Sergio Marchionne, rispondendo a diverse domande degli analisti sui margini, non ha voluto dare ulteriori indicazioni sul 2016.

Secondo una nota della società, il gruppo propone di distribuire 46 centesimi (30% dell'Eps) per le azioni ordinarie, per un totale di 87 milioni, nella parte bassa del range indicato dallo stesso Marchionne per la politica dei dividendi dei prossimi anni, cioè al 25-40% dell'utile netto.

Le aree di crescita nell'anno saranno Stati Uniti ed Emea, mentre la Cina è prevista stabile. Il direttore finanziario Alessandro Gili ha sottolineato che la Cina rappresenta un mercato non cruciale. Le consegne 2015 realizzate nell'area Greater China sono pari a poco meno dell'8% del totale.

Nessun commento sui nuovi modelli, come è abitudine della casa, ma il presidente Sergio Marchionne ha escluso che Ferrari possa realizzare un Suv, "prima mi devono sparare", ha detto.

Peraltro il gruppo fornirà i motori per alcuni modelli del Suv Maserati Levante a partire dal 2016.

Per l'anno in corso, se si ipotizzano "cambi in linea con le attuali condizioni di mercato", il gruppo prevede consegne di auto a 7.900 unità, fatturato a 2,9 miliardi di euro, Ebitda adjusted a 770 milioni e debito netto a 1,950 miliardi.

La società ha chiuso il 2015 con consegne veicoli a 7.664, ricavi a 2,854 miliardi, adjusted Ebitda a 748 milioni, utile netto a 290 milioni, pari a 1,52 euro per azione.   Continua...