Ultrabanda, assetto Enel mira a propri obiettivi, poi si vedrà-Giacomelli

martedì 2 febbraio 2016 15:10
 

ROMA, 2 febbraio (Reuters) - Per il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli Enel non è primariamente interessata alla realizzazione della infrastruttura della banda larga, malgrado abbia annunciato la costituzione di due società dedicate.

Giacomelli lo ha detto parlando nel corso della conferenza stampa di presentazione del piano da 56 milioni per portare la fibra in 324 dei 377 comuni della regione Sardegna.

"Ho l'impressione che l'organizzazione che Enel si è data sia stata pensata in funzione del proprio obiettivo primario che è quello di installare i contatori di nuova generazione. Ho sentito che sono aperti [ad eventuali altri business] e lo sapremo quando presenteranno la versione definitiva del progetto. Comunque Infratel, la società che ha il compito di realizzare la rete nelle aree a fallimento del mercato, farà una call [con gli operatori]: auspichiamo che Enel risponda e sia compatibile" con il progetto complessivo, ha detto il sottosegretario con delega alle Comunicazioni.

Il governo ha deciso a dicembre di incaricare Infratel di realizzare la rete affidandole anche la gestione delle risorse finanziarie: i 2,2 miliardi dello stato e circa 1,6 miliardi delle Regioni.

Nei giorni precedenti organi di stampa avevano fatto intendere che ci sarebbe potuto essere un coinvolgimento più diretto di Enel nel progetto.

Il gruppo elettrico deve installare circa 30 milioni di contatori di nuova generazione, operazione per la quale ha annunciato la costituzione di una apposita società, e ha fatto presente che in quell'occasione avrebbe potuto anche portare la fibra consentendo risparmi di costi per il sistema.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia