Telecom, su ipotesi aumento, ceo Vivendi dice che debito non ostacola sviluppo

venerdì 29 gennaio 2016 16:44
 

MILANO, 29 gennaio (Reuters) - Vivendi, rispondendo a una domanda sulla possibilità di un aumento di capitale per la partecipata Telecom Italia, dice che il debito del gruppo italiano non é un ostacolo allo sviluppo che si vuole intraprendere.

Lo si legge nel testo dell'audizione informale dell'AD Vivendi, Arnaud De Puyfontaine, al Senato.

"Il debito di Telecom Italia é sostenibile o la società necessita di una ricapitalizzazione?", hanno chiesto i senatori secondo il documento.

"Non vediamo il livello del debito dell'azienda come uno svantaggio per la capacità di investire e per la capacità di finanziamento dello sviluppo che si vuole intraprendere", ha risposto De Puyfontaine.

Hanno poi chiesto se la valutazione del goodwill fosse troppo prudente.

"Per quanto riguarda il goodwill: dipende da come viene calcolato", ha aggiunto. "Ma mi sembra che al momento non sia questo uno dei principali temi di attualità".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia