BORSA MILANO in rialzo spinta da bancari, focus su Banco Popolare, Pop Milano

venerdì 29 gennaio 2016 12:50
 

MILANO, 29 gennaio (Reuters) - A metà seduta Piazza Affari si mantiene in territorio positivo, in sintonia con le altre borse europee, sulla scia della decisione, a sorpresa, della Banca centrale del Giappone di tagliare uno dei tassi di riferimento sotto quota zero.

Attorno alle 12,40 il FTSEMib guadagna l'1,52% circa dopo il brusco calo di ieri del 3,5%. Il FTSE All Share guadagna l'1,4%. Volumi per un controvalore di 1,1 miliardi di euro.

Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 segna +0,84%. I derivati sugli indici americani suggeriscono una partenza positiva di Wall Street.

** Tornando a Piazza Affari, si segnala il rimbalzo dei bancari, alla ricerca di un riscatto dopo l'ultima ondata di vendite legate anche alle perplessità del mercato sul reale impatto del nuovo piano del governo sulle sofferenze concordato con la Commissione europea.

** In evidenza soprattutto POP MILANO (+4%) e BANCO POPOLARE (+5,7%), spinte dalle attese per la possibile fusione.

** UBI resta più indietro e sembra scontare le speculazioni circa un'integrazione con MPS. In un'intervista a La Repubblica l'AD Fabrizio Viola, ribadendo che al momento non c'è nessuna opzione sul tavolo per una possibile aggregazione, ha detto che l'ipotesi di fusione con Ubi presenta aspetti positivi dal punto di vista industriale.

** La banca senese, dopo la partenza positiva, è passata in negativo (-1,6%) nonostante i risultati preliminari siano stati giudicati abbastanza positivamente dal mercato. Banca Akros scrive che i risultati prleiminari sono in linea con le proprie attese e mostrano segni di recupero.

** FERRAGAMO <SFER,MI> in evidenza (+4,1%) dopo i dati sul fatturato del quarto trimestre, pubblicati ieri a borsa chiusa, leggermente migliori delle attese.   Continua...