Borsa Milano prosegue in rialzo su scia Draghi, Mps sale a doppia cifra

venerdì 22 gennaio 2016 12:20
 

MILANO, 22 gennaio (Reuters) - Piazza Affari prosegue il rimbalzo di ieri sulla scia dei commenti del presidente della Bce Mario Draghi.

Inoltre il recupero del greggio dà sostegno ai titoli energetici. Il Brent sale del 6,7% a 31,21 dollari al barile.

Ieri il governatore della Bce Mario Draghi ha annunciato per marzo una nuova revisione della linea monetaria di Francoforte. Alla luce di un'inflazione più debole delle attese e di rischi in aumento per la ripresa, la banca centrale ha messo sul piatto la prospettiva assai concreta di nuove misure di stimolo monetario.

Intorno alle 12,15 l'indice FTSE Mib sale dell'1,93%, l'Allshare del 2,04%. Volumi per un controvalore di 1,4 miliardi di euro. Nonostante i guadagni delle ultime due sedute, il bilancio di Piazza Affari da inizio anno resta ampiamente negativo (-11% circa). Il FTSEurofirst avanza del 2,65%.

** Il titolo SAIPEM (+0,8%) è mollto volatile dopo aver annunciato i dettagli dell'aumento di capitale. Saranno offerte in opzione azioni nel rapporto di 22 nuove azioni ogni 1 azione ordinaria e/o risparmio posseduta a un prezzo di emissione pari a 0,362 euro per azione, pari a uno sconto sul Terp del 37%.

** MPS sale di oltre il 12%. La banca ha anticipato l'approvazione del preconsuntivo al 28 gennaio. In un'intervista al Sole 24 Ore il presidente Massimo Tononi sottolinea che la banca ha una buona liquidità e, sul tema del consolidamento, conferma che l'istituto sta lavorando per un'aggregazione, specificando che si stanno "perseguendo attivamente e concretamente opzioni in Italia e all'estero".

** CARIGE guadagna il 5,6%. Secondo quanto riferiscono alcuni operatori, negli incontri di ieri a Londra con alcuni investitori il management dell'istituto genovese ha offerto messaggi rassicuranti sulla situazione delle sofferenze e della liquidità. Sarebbero inoltre state date indicazioni positive su possibili cessioni di Npl in tempi brevi.

** Si indeboliscono leggermente gli altri bancari rispetto all'apertura. UBI in particolare passa in negativo e cede l'1,5%. Un trader mette in evidenza che la banca potrebbe risentire delle speculazioni stampa su un'accelerazione delle trattative tra Pop Milano e Banco Popolare, ma anche delle voci di un possibile interesse per Mps.

** TOD'S sale del 4,5% dopo aver annunciato ieri i dati delle vandite 2015. "I ricavi sono migliori delle nostre stime e del consensus", scrivono gli analisti di Banca Akros.   Continua...