Tlc e media, da Mediobanca Sec. "overweight" anche per il 2016

venerdì 15 gennaio 2016 16:21
 

MILANO, 15 gennaio (Reuters) - In un anno che non si presenta facile, Mediobanca Securities vede comunque del potenziale di crescita per i settori telecom e media in Italia, su quali ribadisce per il 2016 il giudizio "overweight" grazie a valutazioni attraenti e prospettive di consolidamento.

Tutti i singoli titoli, da Telecom Italia a Mediaset, sono coperti con rating "outperform" ad eccezione di Rai Way e Rcs, entrambi "neutral".

"Il forte aumento della volatilità ha messo sotto pressione il settore, ma crediamo che l'universo italiano TMT offra ancora un buon potenziale di crescita rispetto alle attuali valutazioni, sia in termini assoluti che relativi", si legge nello studio che cita in particolare Telecom Italia, EI Towers e Mediaset.

Il 2016 appare particolarmente interessante sul fronte M&A a partire dal settore delle torri di trasmissione, secondo Mediobanca, mentre l'atteso via libera all'integrazione 3/Wind potrebbe essere un'opportunità per Telecom e Vodafone di incrementare la loro quota di mercato. Di Telecom il broker ricorda anche il possibile consolidamento in Brasile e, in Italia, lo sviluppo della fibra.

Nel settore media la prima scommessa è su Mediaset, "miglior modo per investire sulla ripresa del mercato pubblicitario" che Mediobanca stima nel complesso, per l'intero anno, in crescita del 3%. Inoltre il crescente appetito delle tlc per i contenuti potrebbe aumentare considerevolmente il valore delle pay Tv, sostiene lo studio che si aspetta un riavvio delle trattative per una fusione tra Mediaset Premium e Sky.

Seguono Cairo (che tratta a multipli molto bassi) e l'Espresso (fortemente focalizzata sul digitale). Mondadori rappresenta invece una sorta di "porto sicuro" dopo l'accordo per rilevare i libri di Rcs che offre interessanti prospettive in termini di crescita dell'Eps.

Nel settore delle torri EI Towers è la più sottovalutata, secondo lo studio.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia