Fca, causa promossa da un concessionario Usa, è infondata - nota

giovedì 14 gennaio 2016 15:58
 

MILANO, 14 gennaio (Reuters) - Fiat Chrysler Automobiles ha appreso che un concessionario negli Stati Uniti ha promosso contro Fca US una causa nella quale sostiene che la società gli avrebbe offerto incentivi finanziari affinché registrasse falsamente le vendite, riportando vendite al dettaglio in un determinato mese e cancellandole in quello successivo.

E' quanto si legge in una nota del Lingotto, diffusa in seguito alle indiscrezioni pubblicate da Automotive News, che in un articolo parlava di una causa promossa da due concessionari.

"Sebbene l'atto di citazione non sia ancora stato notificato", recita il comunicato, "la società è convinta del fatto che la causa sia infondata e sia stata promossa dal legale interno del concessionario proprio nel momento in cui Fca US discuteva con il gruppo del concessionario della necessità che quest'ultimo rispettasse gli impegni in base a taluni dei contratti di concessione".

Fca "ha piena fiducia nell'integrità dei processi di business e dei rapporti con la rete e intende difendere vigorosamente il caso".

Attorno alle 15,55, il titolo Fiat, a Piazza Affari, perde l'8,21%, a 6,82 euro, dopo aver segnato un minimo di 6,6050 euro. Intensi gli scambi: sono passati di mano circa 46,3 milioni di pezzi.

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia