Bpm, utile netto trim3 scende del 28,5% ma sopra attese, pesa trading

martedì 10 maggio 2016 18:04
 

MILANO, 10 maggio (Reuters) - Banca Popolare di Milano ha chiuso il primo trimestre con un utile netto in calo del 28,5% sul primo trimestre 2015 risentendo della flessione della componente trading dei ricavi pur a fronte della crescita del margine di interesse e delle commissioni.

L'utile netto a fine marzo si attesta a 48,3 milioni di euro, risultato comunque superiore al consensus raccolto dalla banca di 45 milioni di euro.

I proventi operativi diminuiscono dell'8,6% a 389,1 milioni, di cui 206,5 milioni di margine di interesse, in rialzo del 5,3%, e 151,3 milioni di commissione nette (+2%).

Sui ricavi pesa il calo del 77% del risultato netto dell'attività finanziaria a 13,5 milioni, dato che si confronta con un risultato "particolarmente positivo del primo trimestre 2015".

Le rettifiche nette per deterioramento crediti e altre operazioni si riducono dell'11% a 66,1 milioni.

I crediti deteriorati netti calano a 3,6 miliardi in flessione sia rispetto a marzo 2015 (-2,2%) che nel trimestre (-0,2%). In particolare le sofferenze salgono del 3,6% prevalentemente per effetto del passaggio a sofferenza di posizioni provenienti da altre classi di deteriorati.

Il costo del credito annualizzato è pari a 77 pb da 91 pb di marzo 2015.

Il Cet fully phased è stato pari al 12,32%.

  Continua...