PUNTO 1-Abertis, accordo da 594 mln per controllo Serenissima e A31

martedì 10 maggio 2016 11:22
 

(Cambia titolo, riscrive, aggiunge dettagli da nota IntesaSP, Abertis)

ROMA, 10 maggio (Reuters) - Il gruppo spagnolo Abertis ha annunciato l'accordo per acquisire il 51,4% delle autostrade venete, Serenissima e A31, per 594 milioni di euro, rilevando le quote da Intesa SP, Astaldi e la famiglia Tabacchi.

In particolare Astaldi ha comunicato stamani la cessione agli spagnoli della propria quota in A4, pari al 31,85%, per 130 milioni di euro.

La A4 Holding è controllata al 44,85% da Re Consult, che fa capo a Intesa Sanpaolo per circa il 66%, Astaldi e in minoranza la famiglia Tabacchi. Intesa SP ha anche una quota del 6,5% nella holding autostradale tramite Oldequiter. Il resto del capitale è frazionato fra enti locali e altri soggetti.

La società spagnola aveva tentato nel 2006 la fusione con Autostrade (oggi Atlantia ) ma l'operazione saltò.

Questa volta, assistita nell'operazione da Leonardo and Co/Houlihan Lokey e Mediobanca, Abertis spiega che l'operazione "è subordinata all'approvazione da parte del governo italiano del prolungamento dell'autostrada A31", e precisa che l'incorporazione delle due autostrade le consentirà "di consolidare nel proprio bilancio circa 610 milioni di ricavi e circa 200 milioni di Ebitda annuali".

L'autostrada A4 Brescia-Padova (Serenissima), da 146 chilometri, è definita da Abertis il terzo tratto autostradale a pedaggio più trafficato del Paese, a cui si aggiungono gli 89 chilometri della A31.

Intesa SP ha confermato l'accordo raggiunto che prevede la cessione delle sue partecipazioni in Reconsult (44,85%) e Oldequiter, società titolari complessivamente del 51,4% del capitale sociale di A4 Holding passato agli spagnoli.

Astaldi ha infine spiegato che "il pagamento del prezzo è stato fissato a gennaio 2023 e pertanto Astaldi e gli altri venditori hanno strutturato un'operazione di cessione pro soluto del credito che consentirà alla società di incassare l'importo netto di 110 milioni di euro al closing, fissato per fine luglio 2016".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia