Acea, assemblea riaffida a cda remunerazioni particolari amministratori

giovedì 28 aprile 2016 15:47
 

ROMA, 28 aprile (Reuters) - Con il 95,6% dei voti a favore e il 4,4% contrario, gli azionisti di Acea hanno riassegnato oggi al cda della utility romana la competenza sulla remunerazione degli amministratori investiti di particolari cariche.

La questione era stata al centro delle critiche dei piccoli azionisti, contrari alla misura. Ma la presidente di Acea, Catia Tomasetti, ha spiegato che la decisione di affidare la decisione su tale remunerazione agli azionisti, assunta nell'assemblea del giugno 2014 su impulso dell'allora sindaco di Roma Ignazio Marino, era stata un errore.

"Quella decisione non è stata impugnata dagli azionisti, ma contiene un vulnus, la remunerazione non può e non deve spettare agli azionisti ma al cda, il cda deve essere autonomo... è una distorsione rispetto allo statuto e al codice civile", aveva detto Tomasetti in mattinata ai giornalisti prima dell'avvio dei lavori dell'assemblea.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia