Rina vede Ipo in medio termine dopo acquisizioni - AD

mercoledì 27 aprile 2016 15:02
 

MILANO, 27 aprile (Reuters) - Rina, società che fornisce servizi di certificazione e classificazione soprattutto in campo navale, punta a quotarsi fra qualche anno dopo aver portato a termine una serie di acquisizioni che aiuteranno la società a moltiplicare i propri ricavi.

E' quanto spiegato dall'amministratore delegato Ugo Salerno a margine della presentazione delle nuove società aderenti al progetto Elite di Borsa Italiana (tra cui proprio Rina).

"Non guardiamo alla quotazione a breve, ma contiamo di arrivarci con numeri più alti, almeno 500-600 milioni di fatturato", ha spiegato l'AD, aggiungendo che l'azienda lo scorso anno ha realizzato circa 375 milioni di fatturato e un Ebitda intorno ai 46 milioni.

Il Cfo Roberto Cavanna ipotizza che una eventuale Ipo potrebbe arrivare verso la fine del 2018. "Dipende da quante acquisizioni riusciremo a fare", spiega, sottolineando che si guarda soprattutto all'estero.

Nell'azionariato di Rina è presente con una piccola quota il fondo Naus, che vede come soci Vei Capital e una joint venture tra Imi Investimenti e Neuberger Berman. Naus, che già detiene delle obbligazioni convertibili, ha messo a disposizione 100 milioni in termini di equity per finanziare nuove acquisizioni e che porterebbero il fondo poco sotto il 30% del capitale, spiega Salerno.

(Elisa Anzolin)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia