Banche salvate, Tar Lazio vuole relazione Bankitalia in 30 giorni

mercoledì 27 aprile 2016 12:36
 

ROMA, 27 aprile (Reuters) - Il Tribunale amministrativo del Lazio lo scorso 18 aprile ha disposto che la Banca d'Italia depositi entro trenta giorni la valutazione definitiva sulle banche salvate, e ha fissato il prosieguo dell'udienza pubblica al prossimo 4 ottobre.

E' quanto si legge nell'ordinanza del Tar, letta oggi da Reuters, sulla richiesta di sospensiva presentata dal Codacons contro il decreto del governo con cui sono state salvate Banca Marche, Banca Etruria, CariFe e CariChieti.

Nella camera di consiglio del 18 aprile il Tar ha ravvisato "la necessità che la Banca d'Italia depositi entro il termine di trenta giorni dalla comunicazione o dalla notificazione, se anteriore, della presente ordinanza l'atto di valutazione definitiva relativo alla procedura oggetto di causa, unitamente ad una relazione integrativa circa lo stato del procedimento successivo alla valutazione definitiva, comprensivo di eventuali sopravvenienze".

L'esposto è stato presentato in gennaio dal Codacons per conto di 250 risparmiatori con l'intenzione di far dichiarare illegittimo dalla Corte Costituzionale il provvedimento del governo.

L'associazione vorrebbe adire "alla Corte di giustizia europea affinché sia dichiarata illegittima la procedura di salvataggio delle 4 banche, in quanto appare violata la direttiva Ue che vieta di nominare come autorità di risoluzione la stessa autorità di vigilanza".

L'esecutivo di Matteo Renzi con un decreto ha garantito la sopravvivenza delle quattro banche creando altrettante nuove entità in cui ha fatto confluire la parte sana delle loro attività.

In linea con le nuove regole europee, l'operazione ha comportato l'azzeramento di tutte le azioni e dei 788 milioni in obbligazioni subordinate emesse dagli istituti.

È atteso in questi giorni il consiglio dei ministri che dovrà varare il decreto sui rimborsi ai risparmiatori.

(Antonella Cinelli)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia