BORSA MILANO-In tenue rialzo e frenata da utility, brillano banche

giovedì 21 aprile 2016 13:03
 

MILANO, 21 aprile (Reuters) - Piazza Affari in tenue rialzo a metà seduta, tenuta a freno da utility come SNAM, oggi declassata da due broker, in un più generale contesto di lettera sul settore europeo che arretra di quasi il 2%.

** La debolezza delle utility va inquadrata anche nella risalita delle quotazioni del greggio che alimenta la propensione al rischio a scapito dei settori più difensivi in attesa della conferenza stampa del presidente della Bce Mario Draghi.

** Il rialzo del 2% il comparto bancario non riesce a imprimere slancio all'indice delle bluechip FTSE Mib , che viaggia in rialzo dello 0,15% ore 13, attestandosi in area 18.700 punti. Il benchmark ha oscillato di meno di 200 punti in mattinata. Scambi per oltre un miliardo di euro sul mercato.

** Parallelamente i derivati sui principali indici a Wall Street sono invariati, non offrendo spunti direzionali.

** Venduto il settore lusso con FERRAGAMO e YNAP che cedono oltre il 2%.

** Fra i bancari, estendono il recente rally istituti più fragili come MPS e CARIGE ma anche UNICREDIT guadagna circa il 3% nel giorno del via libera di Consob al prospetto della Popolare di Vicenza. Il settore bancario è ben comprato anche in Europa con il paniere relativo in rialzo di oltre l'1%.

** MEDIASET scambia peggio del mercato, in ribasso di un punto percentuale dopo che Rti/Mediaset Premium è stata multata dall'Antitrust con una sanzione di 51,4 milioni per la vicenda dell'assegnazione dei diritti tv del campionato di calcio Serie A relativi al triennio 2015-2018.

Banca Akros ed Equita sottolineano che l'impatto è appena l'1% della capitalizzazione di mercato di Mediaset. Ma, secondo Equita, "sugli utili 2016 l`impatto sarebbe del 44% e potrebbe impattare sull`incremento del DPS atteso a 9 cents (93% di payout)".

** In luce FCA che avanza del 2% circa, decisamente meglio del paniere dei concorrenti europei dove corre VOLKSWAGEN dopo che ieri è stata diffusa la notizia che la casa automobilistica tedesca ha raggiunto un accordo di massima con le autorità americane nell'ambito dello scandalo delle emissioni truccate.   Continua...