Rcs, prime aperture tra banche creditrici su Ops Cairo

giovedì 14 aprile 2016 17:23
 

MILANO, 14 aprile (Reuters) - Dopo la prima reazione di sorpresa e in qualche caso di disappunto all'offerta di Urbano Cairo su Rcs, tra le banche creditrici inizia a trapelare qualche apertura, frutto del lavoro diplomatico avviato dagli adviser e di una crescente consapevolezza che non ci sono molte alternative.

La posizione delle banche finanziatrici è fondamentale visto che l'offerta è subordinata, tra l'altro, a una loro rinuncia a qualsiasi rimborso fino all'approvazione del bilancio 2017 con l'eccezione dell'incasso dalla vendita di Rcs Libri. Condizione contro cui si è schierato ieri il Cda di Rcs perchè ostacola le trattative sulla rinegoziazione del debito in corso da tempo.

"Banca Imi (controllata di Intesa Sanpaolo e adviser di Cairo) sta rassicurando le banche che l'imprenditore non intende chiedere alcuna ristrutturazione o write off del debito e che ha solo bisogno di uno stand still per capire bene la situazione di Rcs. In più il gruppo Cairo ha cassa e il suo presidente ha una certa esperienza nelle ristrutturazioni aziendali, quindi non è malvisto", dice una fonte finanziaria che parla di contatti informali tra i vertici delle banche sul tema.

"L'alternativa è che qualcuno offra qualcosa di meglio, ma non vedo molte possibilità", conclude.

A considerare remota l'ipotesi di una controfferta sono in molti anche tra chi l'auspicherebbe.

Le banche creditrici sono Intesa Sanpaolo, UBI Banca , UniCredit, BNP Paribas, Pop Milano e Mediobanca (che come Intesa è anche azionista). Il pool deve esprimersi all'unanimità.

La posizione di Intesa a favore dell'Ops è stata espressa ieri dall'AD Carlo Messina e oggi dal presidente del Cds Giovanni Bazoli, anche se entrambi si sono detti pronti a valutare eventuali proposte alternative.

Questa mattina l'AD di Bpm Giuseppe Castagna si è detto disponibile a valutare "con piacere" la proposta di Cairo se si dimostrerà una soluzione industriale credibile per il rilancio di Rcs.

Mediobanca, secondo quando riferito da alcune fonti, è invece tra gli azionisti che ha giudicato inadeguata l'offerta dell'imprenditore piemontese.   Continua...