Mps, in prossime settimane diremo se pagheremo Tesoro in azioni -AD

giovedì 14 aprile 2016 17:32
 

SIENA, 14 aprile (Reuters) - Banca Mps ritiene possibile definire nelle prossime settimane con il Tesoro la possibilità di pagare in azioni le cedole residue sui Monti bond.

Lo ha detto l'AD Fabrizio Viola nella conferenza stampa al termine dell'assemblea di bilancio.

"Siamo ancora in attesa di definire con il Tesoro la forma tecnica di pagamento della cedola su Monti bond. Ho ragioni di pensare che nelle prossime settimane questa cosa avverrà", ha detto Viola, spiegando che solo allora potrà dire "se è confermato che verrà pagata in azioni".

Il manager ha anche detto, rispondendo a una successiva domanda, che una emissione di obbligazioni subordinate, Upper Tier 2 tasso variabile 2008-2018 da 2 miliardi, collocata in gran parte presso retail e con cedola in pagamento 15 maggio e 15 novembre, verrà regolarmente onorata anche se la banca avrebbe la facoltà, in caso di chiusura in perdita di differire il pagamento degli interessi.

"Su quella paghiamo, abbiamo sempre pagato", ha detto Viola.

Nel caso in cui la cedola sui Monti Bond venisse pagata in azioni, lo sarebbe in virtù di un bilancio considerato in perdita.

Mps ha chiuso il bilancio in utile ma per effetto della riscrittura contabile, imposta da Consob, del derivato Alexandria che ha fatto emergere un beneficio di 500 milioni messi a conto economico. Senza quel ricalcolo il bilancio consolidato sarebbe in rosso per 112 milioni.

Il prospetto di questa obbligazione, emessa con taglio da 1.000 euro nel 2008, avverte dei rischi che "se il risultato economico di esercizio (prima del pagamento degli interessi) fosse negativo, l'Emittente avrà la facoltà di differire il pagamento dell'intero importo dovuto a titolo di interessi sulle obbligazioni".

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Su quella paghiamo sempre abbiano sempre pagato