M&A, Goldman si aspetta più acquisizioni italiane all'estero in 2016

giovedì 14 aprile 2016 19:54
 

MILANO, 14 aprile (Reuters) - Liquidità a basso costo, una maggiore stabilità politica rispetto al passato e l'aiuto macro alle aziende della flessione delle quotazioni del petrolio favoriranno un maggiore attivismo delle aziende italiane all'estero quest'anno.

"Negli ultimi sei mesi abbiamo visto più aziende italiane che ci chiedevano di guardare target esteri", ha detto Marco Paesotto, managing director e responsabile Mergers & Acquisitions per l'Italia dell'Investment Banking Division di Goldman Sachs. "L'imprenditorialità italiana torna a volersi espandere".

Con operazioni come Campari-Grand Marnier e Diasorin-Quest, l'attività di compratori italiani all'estero ha rappresentato il 30% delle transazioni nel primo trimestre di quest'anno a fronte del 17% di tutto il 2015. Un dato, quest'ultimo, inferiore al 23% del 2014 ma in media con quello medio degli ultimi cinque anni.

Negli ultimi anni le aziende italiane sono state in prevalenza "prede" di concorrenti stranieri: le statistiche della banca d'affari quantificano nel 46% del totale dell'attività le operazioni in cui pezzi di Italia sono andati all'estero l'anno scorso, dal 44% del 2014 che si confronta una media di cinque anni del 37%.

Più in generale Goldman Sachs si aspetta in Italia una ripresa dei volumi di attività M&A dopo la pronunciata flessione dei primi tre mesi a 9,2 miliardi di dollari dai 22,8 miliardi del corrispondente periodo del 2015. I settori d'elezione saranno innanzitutto quelli dell'energia, di media e tlc mentre l'attività in altri, come quello bancario e infrastrutturale, potrebbe richiedere più tempo per dispiegarsi.

"Il Fondo Atlante darà stabilità al sistema permettendo di perfezionare la ricapitalizzazione delle banche più fragili e questo processo, se da un lato renderà questi istituti più appetibili, dall'altro ritarderà le operazioni di fusione e acquisizione", ha detto Paesotto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia