Banche Italia, scarso appeal Tltro Bce domani in attesa nuova serie

mercoledì 23 marzo 2016 16:51
 

di Elvira Pollina

MILANO, 23 marzo (Reuters) - Le banche italiane parteciparanno in misura del tutto marginale alla settima operazione di rifinanziamento Tltro (Targeted long-term refinancing operation) presso la Banca centrale europea in agenda domani 24 marzo.

In base alle informazioni raccolte da Reuters, i principali istituti di credito tricolore preferiscono aspettare la nuova versione dello strumento che debutterà a giugno e prevede condizioni più favorevoli.

Il restyling, parte del pacchetto di misure espansive varate dal direttivo Bce il 10 marzo, potrebbe consentire alle banche di farsi pagare da Francoforte una remunerazione per la liquidità ottenuta in prestito dalla stessa banca centrale, purché venga impiegata in finanzimenti all'economia reale.

"Credo che prevarrà un atteggiamento di attesa da parte delle banche, non mi aspetto nulla di significativo", commenta Loredana Federico, economista di UniCredit.

I fondi messi a disposizione domani, a tasso zero, arriveranno a scadenza nel febbraio 2018 mentre nella nuova versione Tltro i finanziamenti (saranno in tutto quattro e si terranno a cadenza trimestrale da giugno 2016 fino a marzo 2017) avranno durata 4 anni.

Peraltro, a giugno le banche avranno la possibilità di rimborsare anticipatamente la liquidità raccolta con la prima serie di Tltro, avviata nel settembre 2014, e di richiederla alle nuove condizioni potenzialmente migliori.

Il meccanismo, infatti, prevede che alle banche che incrementino di una certa misura le erogazioni di prestiti quest'anno e il prossimo possa venire riconosciuto un tasso sotto zero, fino al livello fissato dall'istituto centrale per i depositi, ovvero -0,4%.

Con la nuova serie Tltro le singole banche potranno chiedere un ammontare di liquidità pari al 30% dei prestiti a imprese e famiglie (mutui esclusi) in essere al 31 gennaio 2016 (mentre la soglia precedente si fermava al 7%).   Continua...