23 marzo 2016 / 14:44 / in un anno

PUNTO 1-Termine cessione 4 banche al 30 aprile ma Italia chiede proroga a Ue

* Termine cessione al 30 aprile in documento Ue inedito

* Italia sta negoziando con Ue cessione a settembre-fonte

* Processo vendita ancora in fase iniziale (Aggiunge dettagli, contesto)

di Stefano Bernabei e Giuseppe Fonte

ROMA, 23 marzo (Reuters) - La vendita delle quattro nuove Banca Marche, Banca Etruria, CariFerrara e CariChieti, deve avvenire entro la fine di aprile, secondo gli impegni dell‘accordo che l‘Italia ha preso con la Commissione europea lo scorso novembre ma, dice una fonte del Tesoro, l‘Italia sta negoziando una proroga a settembre.

Il termine del 30 aprile è contenuto in una comunicazione della Commissione, indirizzata al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, vista da Reuters.

Datata 22 novembre 2015, è contenuta in una memoria difensiva che la Banca d‘Italia ha depositato al Tar del Lazio per un ricorso, discusso il primo marzo 2016, della Fondazione CR di Jesi, azionista di Banca Marche, contro la risoluzione.

Finora l‘esistenza di un termine ad aprile per la cessione delle quattro banche non era mai stata resa nota.

“La Commissione europea aveva inizialmente indicato quale scadenza la fine di aprile ma le autorità italiane e la Commissione stanno lavorando per la proroga di tale termine”, ha detto la fonte dicendosi fiduciosa che “si possa concludere l‘iter di cessione indicativamente nel mese di settembre 2016”.

PROCESSO VENDITA ANCORA IN FASE INIZIALE

Le quattro nuove banche-ponte, nate dalla separazione delle loro sofferenze cedute a una apposita bad bank, sono state affidate alla guida dell‘ex direttore generale di Unicredit Roberto Nicastro, che ha avviato le procedure per la cessione in blocco o separata.

In un‘intervista al quotidiano Firstonline del 12 marzo, Nicastro ha previsto la cessione delle banche entro l‘estate, stessa tempistica indicata in varie occasioni pubbliche, e il 30 dicembre ha indicato la vendita a “primavera inoltrata”.

La lettera della Commissione è precisa nel fissare la data. Al punto (39) è scritto, in inglese, che ”la bridge bank sarà gestita con prudenza con l‘obiettivo di essere ceduta entro il 30 aprile 2016. E al punto successivo, la Commissione ricorda che se la “banca ponte non viene venduta entro il 30 aprile, verrà liquidata ordinatamente in linea con le previsioni dell‘articolo 41 della direttiva Brrd. Non più tardi di due anni dalla data della presente decisione, la banca ponte sarà soggetta a una procedura di liquidazione e la sua licenza bancaria verrà revocata”.

Dal 22 novembre 2015, ha detto lunedì Nicastro in una nota, le quattro nuove banche hanno concesso oltre 24.000 fidi alle piccole imprese e oltre 7.000 mutui di cui circa 3.000 destinati alle famiglie.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below