Bce monitora livelli di liquidità di alcune banche italiane - fonti

martedì 8 marzo 2016 07:30
 

di Valentina Za e Stefano Bernabei

MILANO/ROMA, 8 marzo (Reuters) - La Banca centrale europea sta monitorando i livelli di liquidità di un certo numero di banche italiane, incluse Banca Carige e Monte dei Paschi di Siena, su base giornaliera, secondo due fonti vicine al dossier.

Le verifiche arrivano mentre le azioni delle banche hanno perso nettamente quota da inizio anno in relazione alle preoccupazioni per la montagna di crediti deteriorati, pari a 360 miliardi di euro, che appesantiscono i bilanci degli istituti e indeboliscono i livelli patrimoniali.

Un portavoce della Bce non ha commentato se ci sia un monitoraggio su specifiche banche italiane, ma ha detto che per la vigilanza è una pratica normale monitorare la liquidità e il capitale delle banche.

Monte dei Paschi e Carige non hanno commentato. Un trader del mercato monetario ha detto a Reuters che non c'è stato alcun segnale di tensione per nessuna banca italiana sul mercato interbancario, che gli istituti utilizzano per prestarsi fondi a breve termine.

Bce ha messo sotto pressione alcune banche italiane perché rafforzino il capitale. Il regolatore può anche decidere di monitorare la liquidità delle banche su cui vigila su base settimanale o giornaliera se ha una minima preoccupazione sui depositi o sull'accesso al funding.

Una delle fonti ha detto che il monitoraggio della Bce è "costante". Una seconda fonte ha confermato la verifica quotidiana sui livelli di liquidità.

Carige e Monte dei Paschi sono le due sole banche che hanno fatto aumenti di capitale dopo aver fallito gli stress test Bce del 2014.

Le azioni della Carige sono scese repentinamente da venerdì scorso quando la banca ha comunicato di aver ricevuto da Bce l'indicazione di dover preparare un nuovo piano di funding entro la fine di marzo.   Continua...