PUNTO 2-Tesoro peggiora Pil 2013 a -1,8%, migliora 2014 a +1,1%

martedì 29 ottobre 2013 16:35
 

* Saccomanni conferma rapporto deficit/Pil 2013 al 3%

* Tesoro apre su modifiche a cuneo e Tasi

* Emendamenti dovranno essere a saldi invariati (Aggiunge dichiarazioni Saccomanni)

ROMA, 29 ottobre (Reuters) - Il governo peggiora la stima sul Pil del 2013 a -1,8% dal precedente -1,7% indicato il 20 settembre e migliora la previsione del 2014 a +1,1% da +1%.

A presentare il nuovo quadro macroeconomico è il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, nel corso di una audizione in Senato sulla legge di Stabilità.

"Nel terzo trimestre del 2013 il Pil è atteso stabilizzarsi - l'Istat ha dato oggi una indicazione leggermente più negativa, staremo a vedere - mentre nel quarto trimestre concordiamo tutti che ci dovrebbe essere un moderato aumento", ha detto Saccomanni.

"La crescita del Pil si porterà su livelli superiori a partire dal 2015, arrivando a raggiungere il 2% circa nel 2017", ha aggiunto l'ex direttore generale della Banca d'Italia parlando di previsioni sulle quali "c'è consenso".

Il Tesoro conferma al 3% il rapporto deficit/Pil del 2013. Il debito diminuirebbe "dal 132,7% del Pil, atteso per il prossimo anno, fino al 120,1% nel 2017".

Il quadro previsivo è soggetto a tre rischi: interruzione del risanamento, avanzamento meno sostenuto sulle riforme strutturali e rischio di instabilità politica.   Continua...