BORSE ASIA-PACIFICO - Indici rimbalzano su speranze stimoli Fed

martedì 27 marzo 2012 08:46
 

INDICE                          ORE 8,40   VAR %  CHIUS. 2011
 MSCI ASIA-PAC.                  442,78     +1,42  392,78
 HONG KONG                       21.010,53  +1,66  18.434,39
 SINGAPORE                       3.006,67   +1,09  2.646,35
 TAIWAN                          8.029,46   +0,78  7.072,08
 SEUL                            2.039,76   +1,02  1.825,74
 SHANGHAI COMP                   2.349,316  -0,05  2.199,417
 SYDNEY                          4.301,333  +0,90  4.056,560
 MUMBAI                          17.122,18  +0,40  15.454,92
 	
    MILANO, 27 marzo (Reuters) - Giornata di rialzi per le borse
dell'area Asia-Pacifico dopo le rassicurazioni del presidente
della Fed Ben Bernanke sulla necessità di proseguire con una
politica monetaria espansiva. Questo ha dato slancio agli indici
di Wall Street e ha spinto i mercati asiatici a recuperare le
recenti perdite.	
    "Siamo chiaramente dipendenti da questo mercato estremamente
liquido e Bernanke ha rassicurato che continuerà così", commenta
Kent Engelke, strategist di Capitol Securities Management.	
    Intorno alle 8,40 italiane, l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico sale dell'1,42%. La borsa di Tokyo
, non compresa nell'indice, ha chiuso in rialzo del
2,36%.	
    Bene HONG KONG sostenuta dai titoli finanziari e immobiliari
in una logica, dicono i trader, di window dressing in vista
della fine del trimestre. Prada +1,7%. Poco mosso
l'indice di SHANGHAI, in un clima di prudenza per i timori di
altre ricapitalizzazioni da parte delle aziende cinesi, in
particolare delle banche.	
    SEOUL archivia intanto la migliore seduta in due settimane
grazie al rimbalzo dei titoli più penalizzati di recente. Anche
SYDNEY registra oggi il maggiore progresso delle ultime due
settimane sulle attese di un taglio dei tassi di interesse.
Positiva MUMBAI dove sono saliti soprattutto i titoli scesi
ieri.	
    	
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia