Cina, operatore treno super-veloce rinvia Ipo da 5 mld dlr-fonti

martedì 16 agosto 2011 11:18
 

HONG KONG, 16 agosto (Reuters) - Slitta a data da destinarsi l'Ipo ad Hong Kong e Shanghai da 5 miliardi di dollari di Beijing-Shanghai High Speed Railway, la società che gestisce la linea ferroviaria super-veloce che collega Pechino e Shanghai.

E' quanto riferiscono diverse fonti vicine al dossier, spiegando che lo spostamento è conseguenza dell'incidente mortale del mese scorso.

Il collocamento in borsa era previsto per l'anno prossimo, ma, secondo le fonti, si farà più avanti.

Il 23 luglio scorso, un treno della linea ha subìto un incidente, nel quale sono morte quaranta persone.

L'incidente ha provocato un terremoto nel settore ferroviario cinese, che negli ultimi anni è cresciuto a ritmi vertiginosi.

China Railway Group (601390.SS: Quotazione) (0390.HK: Quotazione), il maggiore costruttore di reti ferroviarie del paese, all'inizio di agosto ha rinunciato ad un piano per raccogliere circa 6,2 miliardi di yuan attraverso un collocamento di azioni, a causa delle incertezze sull'approvazione delle autorità di vigilanza.

China South Locomotive and Rolling Stock Corp (1766.HK: Quotazione) (601766.SS: Quotazione) è stata costretta a rinviare un voto degli azionisti su un piano di raccolta fondi da 1,7 miliardi di dollari.

I problemi specifici del settore ferroviario, che frenano i piani di Beijing-Shanghai High Speed Railway, non inficiano la pipeline delle Ipo in Cina, che continua ad essere vivace.

Secondo Ifr, che cita tre fonti vicine alla materia, infatti, Citic Securities (600030.SS: Quotazione), secondo broker del paese, presenterà la domanda per l'ammissione alla borsa di Hong Kong il prossimo 25 agosto, una settimana più tardi di quanto previsto in precedenza a causa dei ritardi nel via libera delle autorità di vigilanza cinesi. Il collocamento di Citic ha un controvalore di 2 miliardi di dollari.

E China Railway Materials, società attiva nel trading di acciaio e nei prodotti legati al settore ferroviario, secondo Ifr, ha reclutato altre tre banche per seguire un'operazione di dual listing da 2 miliardi di dollari. Citigroup, Credit Suisse e Hsbc si sono aggiunte a Cicc, Citic Securities e Ubs come joint bookrunner.