Ferragamo, prezzo collocamento 9 euro appropriato - gestori

venerdì 24 giugno 2011 11:17
 

MILANO, 24 giugno (Reuters) - I gestori ritengono che il prezzo di collocamento di Salvatore Ferragamo, fissato ieri sera a 9 euro per azione, sia appropriato, per lo sconto rispetto al settore e per la situazione dei mercati azionari.

Ieri il gruppo del lusso fiorentino ha prezzato la propria Opv poco sotto la metà della forchetta di prezzo offerta inizialmente di 8-10,5 euro, dopo aver ricevuto una domanda pari a 3,6 volte l'offerta.

"Non è regalato ma è un prezzo direi accettabile. E' una storia semplice: è a sconto del 10-15% rispetto ai rivali del lusso. E' interessante", spiega Alessandro Frigerio, di RMJ.

Una fonte vicina all'operazione aveva spiegato che il range di prezzo proposto da Ferragamo era sulla base di multipli, con riferimento al P/E 2011, compresi tra le 16,4 e le 21,3 volte.

Secondo un rapporto di Mediobanca, uno dei global coordinator dell'Ipo, la media del settore di quest'anno è vista a multipli di 21,4 volte in termini di price/earnings.

"Hanno dovuto accontentare i sottoscrittori per avere upside dopo la quotazione, anche perchè non è un momento felice per i mercati in generale e per quello italiano in particolare... il prezzo è tutto sommato corretto, è nella parte mediana, accontenta un po' tutti", spiega un'altro gestore.

Dall'Ipo, Ferragamo ha raccolto circa 344 milioni di euro.

"In questo periodo è un successo, anche perchè era un'offerta grossa, tutta in vendita e non prezzata particolarmente a sconto", commenta un'altro gestore, di un fondo estero.