Comune Firenze pensa a Holding partecipazioni, poi Ipo - Renzi

mercoledì 22 giugno 2011 16:57
 

FIRENZE, 22 giugno (Reuters) - Il Comune di Firenze va verso la creazione di Firenze Holding che racchiuderà le partecipazioni di Palazzo Vecchio nelle società che gestiscono servizi pubblici - acqua, gas, rifiuti - e punta alla quotazione in borsa.

Secondo quanto annunciato in consiglio comunale dal sindaco, Matteo Renzi, Firenze Holding nascerà entro sei mesi per poi presentarsi al mercato azionario: al momento non è stato deciso se la quotazione riguarderà l'intera holding o parti di essa.

Secondo quanto riferiscono fonti vicine alla vicenda, in Firenze Holding rientrerebbero Publiacqua (servizio idrico), Quadrifoglio (rifiuti), Toscana Energia (gas). Publiacqua, che ha la concessione per il servizio idrico integrato delle province di Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo fino al 2021, è per il 60% in mano a soci pubblici (Comune di Firenze 21,67%, Consiag 24,9%) e per il 40% ai privati raccolti in Acque Blu Fiorentine, partecipata da Acea (68,99%), Suez Environnement (22,83), Mps (8%). Firenze Holding dovrebbe occuparsi di riacquistare il 40% dai privati, così come annunciato dal sindaco all'indomani del referendum.

Secondo quanto riferiscono fonti vicine a Palazzo Vecchio, i circa 100 milioni di euro necessari per il riacquisto potrebbero essere trovati attraverso la vendita totale o parziale della Mukki, la centrale del latte di Firenze. Quadrifoglio è la società di servizi ambientali a capitale interamente pubblico, detenuta dai 12 comuni dell'area fiorentina dove opera. In Firenze Holding entrerà anche la partecipazione detenuta dal Comune in Toscana Energia, il quinto operatore italiano nella distribuzione del gas che opera su concessione degli oltre 90 comuni soci, ai quali fa capo il 51,28% del capitale (Firenze ha il 20,6%) mentre il 48,13% è in mano a Italgas (gruppo Eni).